Giornale di Brescia - 13 giugno 2007

Accesso al lago per persone con difficoltà motorie, pista pedonale sicura per i ciechi, giardino profumato. Sono le opere che il Comune di Lovere ultimerà entro due mesi «perché anche le persone disabili possano conoscere ed apprez-zare il fascino del lago d'Iseo. Il progetto è stato elaborato dall'architetto Gabriele Cottinetti con la collaborazione dell'ingegner Stefano Bianchi e del geometra Marco Bani, ed è stato illustrato nei dettagli sabato scorso dagli stessi estensori alla presenza di numerose autorità tra cui l'assessore allo Sport e Ambiente di Lovere, Gianmario Foiatti, il presidente e il responsabile regate Avas (Associazione velica Alto Sebino), Massimo Barro e Tersillo Moretti e l'olimpionico Atene 2004, Fabrizio Olmi. L'opera è cofinanziata dalla Regione Lombardia ed ha un costo complessivo di circa 300mila euro. Nel corso degli anni il lungolago loverese è stato oggetto di numerosi ed importanti interventi che hanno portato alla realizza-zione di diversi manufatti e percorsi pedonali, ma senza tenere in debito conto le situazioni di pericolo e di disorientamento delle persone disabili. «Per rimediare a questa situazione, il Comune ha predisposto un piano capace di trasformare la cittadina in un luogo dove anche i diversamente abili possono fare sport - spiega Polatti Lovere è, notoriamente, una città ospitale e quanto stiamo facendo rappresenta un doveroso tributo di rispetto e solidarietà». Dopo aver specificato che da tempo è iniziato un sodalizio tra l'Avas, la Polisportiva Disabili Valle Camonica e la Polisportiva Handicappati Bergamasca e che, grazie a questa proficua collaborazione è stato varato il progetto «Disvela» - finalizzato allo sviluppo della prati-ca dello sport della vela per persone diversamente abili - ai presenti è stato illustrato in cosa consistono i lavori in corso. Il percorso pedonale che è lungo due chilometri attraverserà tutta Lovere e congiungerà il porto di Cornasola con piazzale Marroni, sarà caratterizzato da una pavimentazione dove l'accostamento di cubetti di porfido e di piastre di serizzo creerà linee guida di riferimento, facilmente individuabili con l'appoggio dei piedi. In prossimità dei punti di intersezione con gli attraversamenti pedonali ed i passi carrai, in prossimità dei parchi attrezzati, dei manufatti di pregio e degli accessi al battello, le linee guida verranno poste trasversalmente. Al loro margine saranno installate mappe tattili. La passeggiata verrà completata con un giardino profumato con aiole rialzate, godibile quindi anche da chi è costretto in carrozzella. Gli elementi di arredo urbano quali cestini portarifiuti, fontanelle e panchine verranno posizionati fuori dal percorso pedonale principale. Nel porto turistico troverà posto una struttura di accesso al lago consistente in un nuovo pontile, una gru a bandiera per il posizionamento delle barche e un sollevatore per gli atleti disabili. (el. mut.)