L'Eco di Bergamo - 17 settembre 2015
di Giuseppe Arrighetti

Lovere nel fine settimana sarà la capitale dello sport per disabili: la cittadina dell'alto Sebino è stata infatti individuata dal Comitato italiano paralimpico come la sede più idonea in provincia di Bergamo per ospitare la quarta delle «Cittadelle dello sport» in corso in tutte le province lombarde per avvicinare la popolazione alla pratica sportiva dei diversamente abili. Attorno a questo evento, ruoteranno numerose altre iniziative tutte incentrate sulla solidarietà e sul volontariato, strizzando l'occhio anche al mondo dello spettacolo e della televisione. La tappa loverese delle «Cittadelle dello sport» aprirà ufficialmente i battenti sabato alle 10, quando negli impianti del porto turistico di Cornasola prenderà il via un'esibizione di basket in carrozzina. Poi, per tutta la giornata di sabato e di domenica, al porto e in piazza Tredici martiri si svolgeranno dimostrazioni di una ventina di diverse discipline sportive durante le quali atleti diversamente abili e campioni paralimpici mostreranno come lo sport possa
essere un terreno di incontro e arricchimento personale per tutti. «Dimostreremo - spiegano Pierangelo Santelli, presidente del comitato lombardo, e Luigi Galuzzi, delegato provinciale dello stesso ente - che attraverso lo sport la qualità della vita migliora, sia quella dei normodotati sia quella dei diversamente abili». Sabato alle 20,45 sul palco in piazza Tredici martiri, inizierà l'esibizione di cinque scuole di ballo che culminerà con lo spettacolo di Giusy Versace e Raimondo Todaro vincitori l'anno scorso della trasmissione tv «Ballando con le stelle». A completare la proposta del comitato ci penserà l'associazione Disvela che ha reso il porto di Cornasola un punto di riferimento nazionale per i disabili che vogliono praticare la vela. «Sabato e domenica - spiega Fabrizio Olmi, velista in carrozzella, presidente di Disvela - proporremo il "Festival del porto" con tre iniziative: le veleggiate per i disabili con i loro accompagnatori e due proposte artistiche. Sabato alle 14,30 in piazza Tredici martiri una ventina di giovani del liceo artistico di Lovere, insieme a persone disabili, commercianti e artigiani della zona, presentano uno spettacolo teatrale ispirato a Novecento di Alessandro Baricco. Sotto i portici del porto di Cornasola alle 18,30, sempre sabato, inauguriamo la mostra fotografica "Cambiamento di rotta" con le immagini di Paolo Amodeo che si è lasciato ispirare dal romanzo Moby Dick di Melville». Tutto questo sarà inserito in una cornice già fortemente orientata alla solidarietà. Sabato infatti la piazza Tredici martiri ospiterà, per tutto il giorno la Festa del volontariato che offre una vetrina a tutte le associazioni dell'alto Sebino. «La manifestazione - ricordano Santina Pertesana e Simonetta Urgnani, rispettivamente referente dei gruppi di volontariato dell'alto Sebino e assessore ai Servizi sociali di Lovere - diffonde la cultura della solidarietà e della gratuità in ogni sua espressione. Il suo obiettivo è creare una rete associativa che condivida conoscenze, risorse, strumenti a vantaggio di un'operatività snella e funzionale e di tutto il territorio». «Tutto questo - conclude il sindaco Giovanni Guizzetti - serve a ribadire che "Lovere è..." (come è stato intitolato l'intero weekend, ndr) accogliente e solidale».